Archivio notizie

Maxitalia Service Jumboffice - Volley Prato 2-3

Pubblicato in - 2022-05-02 21:06:00

104 punti a 94 per Sesto, ma al quinto set Prato la chiude 15-13.

Questa l’estrema sintesi e l’amaro epilogo della partita di ieri, giocata a Sesto alla palestra Balducci del Neto, causa indisponibilità del PalaLilly.

Partita che vale una stagione, gioco a corrente alternata da ambedue le squadre.

Noi facciamo vedere le cose tecnicamente migliori ma le condiamo con 2 errori di troppo.

Prato attua schemi semplici e molto concreti, finalizzando più spesso da posto 4 in diagonale verso il centro con impatto sulla palla sempre appena sopra il nastro e con ovvia destinazione fondo campo, meno spesso da posto 2 dove prevale la spike lungolinea. Pochissimo utilizzato lo sbocco al centro di primo tempo.

Le nostre finalizzazioni passano con una certa frequenza sopra il loro muro o lo eludono con diagonali strette, ma alla fine regaliamo troppi palloni e commettiamo errori ingenui che creano quel piccolo handicap che a volte ci costa il set.

Così è stato nella prima frazione, complessivamente ben giocata da ambo le squadre portata punto a punto fin quasi alla fine del set e nella seconda, in cui gli errori sono parecchio aumentati da ambo le parti, L’ago della bilancia si è quindi mosso verso alcune dubbie decisioni arbitrali in momenti topici (una anche con cambio del punto già assegnato) che hanno inciso sulla tensione agonistica e sportiva della squadra di casa, dando insperata forza agli ospiti che sono stati bravi a sfruttare la situazione favorevole e a portarsi sul 2-0

Diverso l’andamento nel terzo e nel quarto set in cui la maggior caratura di Sesto è venuta fuori costringendo Prato a non macinare più gioco utile se portato ad una certa velocità e precisione. I lanieri non trovano più il bandolo della matassa e subiscono il 2-2

Nel quinto e decisivo set dopo una buona partenza ricominciamo a giocare ad un ritmo più lento, a regalare di nuovo palloni e a sbagliare troppo. Prato quindi riprende fiducia e con le solite efficaci semplici azioni riesce a chiuderla all’ultimo respiro.

Più demeriti nostri che altro, manca continuità nel bel gioco che sappiamo tecnicamente esprimere, cadiamo talvolta in fasi psicologiche avverse e commettiamo qualche errore di troppo.

Il prossimo incontro (sabato 7/5) ci vedrà impegnati a Livorno contro la capolista, già qualificata alle semifinali, che farà in ogni caso partita piena per evitare l’eventualità di doverci incontrare più avanti, preferendo affrontare i nostri avversari di stasera che ha già battuto a Prato la scorsa settimana con un secco 3-0.

Prato invece affronterà Camaiore che può senz’altro mettere in difficoltà i lanieri chiudendo i loro pochi, efficaci, sbocchi offensivi e attaccando sui più giovani ricettori, che presto diventeranno fortissimi, ma che ancora palesano alcuni limiti di precisione nella fase di primo tocco.

 

Siamo ancora padroni del nostro destino, ma là, sulla costa labronica, se vorremo passare il turno, servirà continuità, cuore, zero paura e tanta “testa

Commenti